Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno

Articoli con tag ‘mvf’

Pensioni? Risolto


E dopo aver alzato l’età pensionabile, introdotto l’aspettativa di vita che più campi e più si sposta la pensione ecco arrivare l’aumento degli anni di contributi.
In effetti era un po’ che andavo dicendo che la soluzione alla crisi era portare la pensione a 90 anni + 92 di contributi…

Comunque la scorsa settimana ho deciso che se resto single tra una decina d’anni sposo, platonicamente ma legalmente, mio nipote Matteo almeno si prende la mia reversibilità!

Annunci

Diritto allo sciopero


Dirò una cosa impopolare ma io lo abolirei per i dipendenti pubblici e per quelli che pur lavorando in una S.p.A. sono praticamente pubblici (Ferrovie, atac a Roma, ecc)

Non lo abolirei perchè voglio loro tappare la bocca ma per l’inutilità del gesto.

Mi spiego.

Se io dipendente privata, faccio sciopero creo alla mia azienda un danno economico per la mancata produzione. Se un dipendente pubblico sciopera chi ci rimette è l’utenza e non il datore di lavoro che continuerà a sbattersene altamente dei miei cortei/scioperi.
Penso ai prof e gli studenti (il programma a fine anno deve essere terminato con o senza scioperi, gli esami non sentono storie e nemmeno le promozioni/bocciature)
Penso ai trasporti (il grosso dell’utenza viaggia in abbonamento, l’azienda non ne risente, si incazzano solo i pendolari)
Penso ai medici (magari stira le zampe qualcuno ma le visite saltate saranno riprenotate e spesso i ticket già pagati)

Ecco direi che è arrivata l’ora di inventarsi un altro modo per far sentire la propria voce, qualcosa che colpisca il datore di lavoro e non l’utenza anche perchè in questi esempi l’utenza poco può fare…

Anteporre


Berlusconi all’atto di rimettere il mandato dichiara:”Antepongo gli interessi nazionali ai miei”

Il PD per bocca di Letta, dopo l’incarico a Monti dichiara:”Anteponiamo gli interessi nazionali a quelli del partito”

Uè gente… avete fatto il minimo sindacale. Chi vi elegge non lo fa perchè voi possiate farvi gli affari vostri (personali o di partito poco tange), chi vi elegge lo fa perchè crede che voi possiate meglio governare l’Italia.

Ora avete un po’ di mesi per assimilare il concetto, chissà se alle prossime elezioni (possibilmente con altra legge elettorale) chi prenderà la guida del Paese avrà chiaro questo basilare quanto banale assunto.

22.11.2011 – La fine della crisi…


Lo strumento per uscire dalla crisi economico-istituzionale sarà in vendita nei migliori negozi a partire dal 22.11.2011.
Previste file e ingorghi che manco Tr*ny l'altra settimana….

E Roma paga…


Mi sento Cassandra…
Ieri parlando con dei colleghi, piuttosto sfiduciata dalla situazione, temevo che l'unica via d'uscita sarebbe stata la violenza quando la misura fosse stata colma.
Oggi manovra in discussione alla Camera e disordini in Piazza Montecitorio.
Ho seguito il dibattito alla Camera, ho sentito esponenti PDL difendere i comuni sotto i mille abitanti, ho sentito la sinistra (non ricordo chi) difendere i privilegi della casta (con eleganti giri di parole, lo ammetto, quasi non sembrava…)
Intanto il centro della città più bella del mondo viene nuovamente messo a ferro e fuoco!
Ma non c'erano i rospi verdi che volevano il centro nevralgico del Paese?
Ma che aspettano a prenderselo?

Secesso con raccordo


Come se i problemi in Italia fossero pochi in questi giorni di caldo ci dobbiamo sorbire anche la parodia carnevalata della Lega.
Dopo le gratificanti immagini di gente che ci tocca considerare italiani con corna, barbe colorate e spesso espressioni poco intelligenti possiamo godere dello smaltimento di birra e grappa che devono essere scorsi a fiumi.
Quindi torna il grido di battaglia di “Roma Ladrona”, i pargoli-elettori della Lega hanno imparato in questo anno scolastico altre due parole: Raccordo e Ministero. Visto il livello di partenza i professori-verdi possono considerarsi soddisfatti dei risultati ottenuti (all’Invalsi ci arriveranno nel 3011 di questo passo).
Ma analizziamo non tanto le due parole nuove quanto i concetti.
Raccordo: tralasciando l’ilarità linguistica di chi chiede secessione e la cerca tramite un raccordo possiamo dire che i nostri amici verdi (ma sarebbero meglio i marziani) chiedono a gran voce il pagamento del pedaggio del Grande Raccordo Anulare. Imbecilli!
Se Roma ha oltre 2000 anni di storia e voi fate il collage di quella degli altri un motivo ci sarà!
Solo la classe politica può darvi ascolto. I romani sanno già come fare… utilizzeranno le consolari (questa è la parola da imparare per il prossimo anno!) e vi andranno riccamente in tasca.
Avrete ottenuto un Raccordo Anulare privo di traffico (ad esclusione di chi proprio non può farne a meno) ma ben lontano dai milioni di euro che pensate!
Ministeri: qui il paradosso è concettuale ma nemmeno perdo tempo a spiegarvelo. Li volete? Prendeteli! Ma non quattro. TUTTI. Vi prendete pure Montecitorio e Palazzo Chigi e visto che in caso di crisi si deve andare al Quirinale prendetevi anche il Presidente della Repubblica a Milano.
Volete anche il titolo di Capitale d’Italia? Prendetevi anche quello.
Ovviamente dovete trovare casa e spazio per parcheggiare e scuole e infrastrutture in genere a tutto l'indotto regolarmente assunto. Mi sfuggono i benefici per il nord ma se sta bene a voi per noi no-problem
Avremo ottenuto quello che non riesce a Napoli… la spazzatura al nord*!

In effetti la secessione comincia a essere necessaria. Pensare che Borghezio e bossino-trota ci rappresentano in Europa val bene un secessione.

* La spazzatura non è l'indotto (il personale che ci lavora assunto con concorso), prima che mi arrivi un ministeriale offeso, ma la classe politica! A parlar chiari si va…

Date a Cesare quel che è di Cesare…


… e ai Berlusconi quel che è dei Berlusconi…
Avevo deciso che per domani avrei fatto um post sul referendum, lo farò ma intanto come aperitivo metto questo video, grazie a Riccardo per avermelo fatto conoscere!
E' del 2008 ma direi attualissimo 😛