Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno

UCAF


Ufficio Complicazioni Affari Semplici

Mi arriva una segnalazione. Un iscritto ha pagato in ritardo, circa un mese.
Vai dal capoufficio contributi (6° livello): ok ti sposto il versamento.
Vai dal capoufficio recupero crediti (6° livello): ok ti firmo lo sblocco pratiche.
Vai dal capoufficio prestazioni (7° livello): ok sblocco le pratiche

Su e giù per i piani un quinto livello (il mio) batte 19 livelli 10 minuti a tre mesi….

Annunci

Commenti su: "UCAF" (15)

  1. Fortuna per loro che tu c’hai il fisico per farti su e giù per scale e livelli…
    (Ma dove lavori? In un gioco fantasy?)

  2. Nihilalieno, no, sono le 12 fatiche di Asterix!

  3. sportelloutenti ha detto:

    Siamo messe più o meno alla stessa maniera come metodologia di lavoro. Ufficio Pubblico anche tu?
    Elisa

  4. @ Nihil sai benissimo dove lavoro 😛
    @ ‘Povna sono le 12 fatiche inutili… 🙂
    @ Elisa il paradosso dell’universo parallelo in cui lavoro è che è privato e non pubblico…

  5. Anonimo SQ ha detto:

    Ma non eravamo noi del pubblico ad essere imbecilli ed inefficienti mentre il privato sì che sa essere efficiente ed intelligente ?

    Anonimo SQ*

    *dipendente pubblico di 3a generazione

  6. @ Anonimo mai entrata nel merito del quoziente intellettivo, per quanto riguarda l’efficienza vorrei farti notare che nel pubblico paghiamo tutti, nel privato no e se qualcuno vuole accendere il camino con le banconote da 500 € sono affari suoi!

  7. Certo che so benissimo dove lavori: lavori all’UCAF. Comunque mi piace questa cosa dei livelli. Anche all’Università Invisibile ci sono i livelli, il più alto è l’ottavo. A voi manca l’ottavo livello…

  8. Dopo il settimo si passa a quadro e poi dirigente

  9. e io dico solo: mah! ^^

  10. Anonimo SQ ha detto:

    @ viv

    Di solito ho abitudini meno costose, sia per me che per il paese, direi… scaldo col metano, intendo dire…

    Credo nessuna di voi dovrebbe pentirsi per quanto ha contribuito alle nostre attività di didattica e ricerca : che poi, a parte lo stipendio (che mio genero come primo stipendio prendeva in banca già il doppio di me), son 5/10 000 €/anno di fondi di ricerca quando va ultra bene, 2/3000 quando le vacche son magre (e paghiamo tutto, dai computer ai reattivi agli strumenti ai, rari, congressi, ormai troppo costosi per gente “normale”). Sfido i miei colleghi all’estero ad essere più efficienti, son abituati anche troppo bene…

    Anonimo SQ

  11. Non sapevo che tutta la spesa pubblica fosse in carico al tuo dipartimento.
    E gli stipendi sono cambiati anche in banca

  12. Anonimo SQ ha detto:

    LOs che noi non spendiamo tutti i soldi della pubblica amministrazione. Solo mi da molto ai nervi quando si spara nel mucchio, dimenticando che se le cose, bene o male, vanno avanti, e l’ Italia è ancora qualcosa, lo si deve anche a posti come molti che conosco nei quali le cose si gestiscono come si gestiscono le cose di casa propria.
    Dopodichè, visto che è di moda sparare a zero sul pubblico e l’università, licenziateci tutti e facciamola finita: in fondo, non è detto che in un paese ci debbano essere laureati. Nel Congo del 1960, se ne contavano due o tre in tutto, no ? Tutti bancari !

    Anonimo SQ

  13. Anonimo non vorrei dirtelo ma sei tu quello che ha tirato fuori il discorso, io mi ero limitata a raccontare un aneddoto che mi era successo in ufficio.
    Mi sembri particolarmente suscettibile…

  14. Anonimo SQ ha detto:

    Lo so, scusa, ma è che attraversiamo un periodo particolarmente difficile proprio per l’applicazione di quelle idee (o ideologie) che ci stanno demolendo giorno per giorno.
    Vorrei fosse chiaro a tutti che, noi della ricerca, siamo un settore della PA esposto alla concorrenza internazionale.
    A me è successo di ricevere, dall’editore di una prestigiosissima rivista americana (magari la conosci anche tu) che il nostro lavoro era originale, ben fatto, innovativo e di estremo interesse per tutti i ricercatori del settore, ma che le misure erano state fatte su strumentazione vecchia ed inadeguata al livello del giornale, e perciò o si rifaceva tutto su macchine up-to-date, oppure il lavoro ci veniva rifiutato. Ovviamente, lo è stato, visto che le cose che avevamo accessibili erano vecchie di 10/15 anni.
    Allora capisci che alle corse dei purosangue, farti correre col mulo, e poi sentirsi dire che sei di minor successo del dovuto, e sei uno spreco di risorse ti girano un poco ?

    Anonimo SQ

  15. Intervengo in questo vostro ping pong per notare, sommessamente, che non solo Viv non aveva fatto confronti, ma che in ogni caso, nelle risposte, non ha parlato di tali o tali altri settori del pubblico, ma solo del fatto, incontrovertibile, che se spacco il mio lampadario Fontana in casa magari sono demente, magari poi sto al buio, ma sono cazzi miei. Mentre se spacco il lampione davanti casa ho un po’ danneggiato una cosa che non era mia.
    Tutto il resto mi pare francamente un’inferenza che nessuno di noi ha fatto, né sul pubblico, né tanto meno sulla ricerca. Si dice solo che, proprio perché il pubblico vale, un solo ladro ci mette nella merda tutti. E con questo passerei al post successivo, che sta lì bello in home page in attesa di essere commentato.

Dimmi la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: