Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno

Tana libera tutti


Si fa un gran parlare di liberalizzazioni:

– Farmacie
– Taxi
– Edicole
– Avvocati
– Benzinai
– Orari degli esercizi commerciali

E come spesso capita si mette tutti sotto l’ombrello della parola del male: LOBBY.

Sarebbe opportuno fare delle differenze tra farmacia e benzinaio, tra avvocato ed edicolante ma è più comodo generalizzare…

Gli esercizi commerciali sempre aperti sarebbero comodi a chi lavora… così come l’anagrafe, la circoscrizione e il medico di base o il dentista… le mutande posso comprarle anche alle 19 ma per il certificato dell’anagrafe devo prendere un giorno di ferie…

Per quanto riguarda i taxi stamattina alle 6.40 ho visto una scena indicativa: una macchina del 3570 (uno dei consorzi romani) chiedeva informazioni a un passante per la strada da fare per raggiungere la sua chiamata… parliamo di Ciampino: comune confinate a Roma, dotato di aeroporto internazionale,  distante 12 km dalla stazione Termini. Pensa se la chiamata toccava a uno extra-provincia…

Annunci

Commenti su: "Tana libera tutti" (11)

  1. Ogni tanto alcune parole entrano nel grido qualunque e piazzaiolo dei “cittadini qualunque”. E allora come è come non è diventano anatemi.
    Attività lobbistica è quella che ha fatto, tanto per dire, Nessuno tocchi Caino sulla pena di morte. Tanto per cambiare, il problema non sono le parole, ma, come tu giustamente sottolinei, le buone vecchie cose.

  2. Quella del taxista di Roma che non sapeva dove adare – e non esistevano ancora i GPS- è toccata anche a me, ma a sua scusante aveva che era un quartiere semi-costruito e in periferia. Si è perso un po’ di volte, ma mi ha fatto lo sconto.
    A Torino mi è successo di un taxista che ha sbagliato strada per andare all’Università in Corso Regina Margherita da casa mia e o con tanto di GPS a bordo!!!!
    Elisa

  3. in questo momento il Benza è inc** nero con i suoi colleghi romani: pensa che a quelli che sono scesi in treno da Torino o Milano facendosi il viaggio di notte, hanno fatto pagare la corsa da Termini fino al circo massimo, supplementi inclusi!!!

    poi, ho letto un po’ di studi, di cui uno del Cermes Bocconi (!!!) in cui i dati parlano chiaro: la liberalizzazione dei servizi bancari e assicurativi vale qualche decina di milardi, altro che le centinaia di milioni che verrebbero da taxi/farmacie!

    http://www.federdistribuzione.it/studi_ricerche/files/Osservatorio_sulle_liberalizzazioni_in_Italia_2009.pdf

  4. Quando da piccolo accompagnavo mio nonno a caccia non riuscivo a capire come mai le allodole si facessero impallinare per vedere la civetta. Ho come l’impressione che questa volta le allodole dovremmo essere noi …

  5. Anonimo SQ ha detto:

    @ noise
    Come dicevo al Benza più volte in base ad esperienze, ho l’impressione che tra taxisti di Torino o Milano o Bologna e quelli di Roma o Napoli ci sia una “bella” differenza.
    I primi onorano la categoria, i secondi…

    Anonimo SQ

  6. Anonimo SQ l’affermazione è generalista esattamente come accostare i notai agli edicolanti…
    Passami una battuta ma se a Roma e/o Napoli t’hanno fregato significa che c’avevi la faccia di quello che si faceva fregare 😛

  7. mi sento di condividere le preoccupazioni del bianconerogrigio, non so perché, ma al di là del fatto che ci siamo liberati del maiale, non ci riesco ancora a vedere tutto sto “bene”, nel nuovo personaggio e in tutto ciò che ne consegue… mah!

    (sui tassisti romani e napoletani, però, viv… se c’è una certa fama, ci sarà un motivo?… e ti dirò che certe battute le fan pure i suoceri di mia sorella, vecchi napoletani doc! 😉 )

  8. Io a Roma la fregatura dal taxista l’ho presa… ma ammetto di avere non solo la faccia, ma anche l’abito di una che si fa fregare facilmente 😦
    Comunque ho pagato e continuo a pensare che sono capitata male beccando l’unico disonesto della categoria…

  9. AnonimoSQ non è un’impressione, i tassisti romani SONO diversi. Con alcune eccezioni, ci mancherebbe. Ma… ci siamo capiti. Poi quoto la Povna in toto, ci hanno insegnato la parola lobby e da qualche settimana è tutto una lobby, lobby di questo, lobby di quello, lobby di quell’altro ancora. La pericolosa lobby dei giornalai ad esempio: e come crescerebbe l’economia se un dopodomani potessi acquistare La Stampa dal verduriere… volete mettere?

  10. Avevo scritto una risposta ciascuno, raccontando aneddoti torinesi e napoletani, si è mangiato il commento e non lo riscrivo!
    Tzè… sto blog deve capire chi comanda! (anche la connessione!)

  11. Anonimo SQ ha detto:

    @ viv

    Lo so. E’ per questo che dico che l’Italia è iun paese di merda. Cioè, lo sono gli italiani, che credono sempre di essere furbi, e si sentono in dovere di esserlo più del prossimo, anche per farglielo vedere.

    Anonimo SQ

Dimmi la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: