Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno


Premessa: questo post conterrà un linguaggio altamente scientifico al solo scopo di permettere alla sottoscritta di dare sfoggio!

Nella relazione presentata Martedì al Senato dal Presidente Berlusconi e riletto per i duri di comprendonio Mercoledì alla Camera (stesso identico discorso a camere riunite no?!) tra le opere portate a compimento  da questo Governo c'è l'epocale riforma delle pensioni (oltre a quella epocale dell'istruzione, a quella epocale della giustizia, a quella epocale di sta mincia – l'ultima in via di approvazione)
Soffermiamoci per cambiare argomento sulle pensioni.
Una prima domanda che potrebbe sorgere al solo leggere i titoli è:"Dove cazzo sono i sindacati?".
Ma non facciamoci ingannare dai titoli.
Andiamo a leggere, tratto da il Giornale una sintesi:

"L'anticipo della riforma L’anticipo al 2013 dell’aumento dell’età per l’accesso alla pensione legandolo all’aspetttiva di vita porterebbe nei primi tre anni (dal 2013 al 2015) risparmi complessivi per 1,2 miliardi. È quanto emerge dalla Relazione tecnica allegata alla legge 122/2010 che ha introdotto la norma sul legame automatico tra aumento dell’età pensionabile e aspettativa di vita. La legge approvata l’anno scorso prevedeva che questo automatismo scattasse solo dal 2015 e fosse limitato per il primo anno a soli tre mesi fissando poi uno scatto ulteriore nel 2019 e dopo questa data ogni tre anni. Secondo la relazione tecnica la riforma avrebbe dovuto portare 40 milioni di risparmi nel 2015 (anno di avvio) per poi crescere a 380 milioni nel 2016 e a 800 milioni nel 207 Se la riforma fosse anticipata al 2013 quindi i risparmi potrebbero essere di 40 milioni nel 2013, 380 nel 2014 e 800 nel 2015. La riforma manterrebbe un risparmio medio di poco superiore a questa ultima cifra nei due anni successivi per poi crescere a fronte del nuovo scatto di età nel 2019 (quattro mesi ogni scatto fino al 2030 secondo le stime della Relazione). Nel 2020, a fronte di un’ipotesi di un nuovo scatto in avanti per l’accesso al pensionamento nell’anno precedente (secondo i dati dell’Istat sull’aspettativa di vita nel triennio precedente) il Governo aveva ipotizzato nella Relazione un risparmio di 1,6 miliardi di euro. La cifra è stata stimata sulla base di un numero di persone che maturano ogni anno i requisiti nel periodo 2016-2020 di circa 250/270.000 in media"

In sostanza la Riforma delle Pensioni, in mancanza di un terremoto selettivo che uccida tutti quelli che hanno dai 65 (per ora ma poi diventeranno 67 e poi 70) anni in su facciamo la pensione-carota.
La pensione-carota prevede che il lavoratore (65), arrivato alla soglia della pensione disgustosamente vivo si veda spostare il termine per la cessazione del rapporto di lavoro di tre mesi.
Se di anni nei hai 63 e devi aspettare 2 anni ti spostano il limite a sei mesi (quindi maturi il diritto a 65 e sei mesi)
E via allegramaente di tre anni in tre anni ti spostano il limite di tre mesi (ma nulla vieta ai nostri fantasioni riformatori di cambiare le carte in tavola in corso d'opera.

Il tutto ovviamente studiato, promosso e approvato da gente che tiene il culo su una sedia 5 anni e si vede riconoscere un vitalizio qualsiasi sia la sua età.

Saprei io dove mettervi la carota… una cassetta di carote… ciascuno!

 

                                                                              

Annunci

Commenti su: "Pensioni – Problema risolto" (16)

  1. aspettavo questo post… io alla pensione ci ho già rinunciato da un pezzo, anche se come libera professionista verso all'inps a momenti più di quanto guadagno (dopo versamenti IVA e amenità varie), tanto che ogni tanto incappo nelle verifiche dei parametri e mi trovo davanti dei "signor" funzionari a cui non riesco a far capire che se un cliente sta andando dal chiulo più di me non posso pretendere in alcun modo che mi paghi in meno di 120-150 giorni, e quindi capita anche il trimestre in cui fatturo da piangere, sperando sempre di recuperare quello successivo e di fare media decente a fine anno… bah…

  2. @Norma la protesta potrebbe essere "Liberiamoci delle carote… marce"

    Anche io ho rinunciatoa ll'idea di percepirla… è che vado fuori di testa a dover pagare i contributi… credo che congelerò mia nonna!

  3. Ho sentito qualcosa al Tg, ma da quando, incautamente, ho acquistato "Sanguisughe"  . . . ho il rigurgito al suono della parola "Pensioni"!

    Per informazioni: http://www.sanguisughe.com/ 

    Ciao, R

  4. che poi vorrei sapere, di già che per il mio stato di salute le assicurazioni mi spernacchiano, perché, se ci deve essere un legame tra l'età pensionabile e l'aspettativa di vita, non iniziano a pagarmela ora?

    a 65/67 o quel che sarà, tengono conto anche dello stato di salute, o basta arrivarci vivi per predersi la… carota?

  5. Basta che ci arrivi…
    facciamo un esempio.
    io a settembre compio 40 anni, nel 2015 (prendiamo l'ipotesi più remota) avrò 44 anni e loro sposteranno in avanti di tre mesi.
    Dopo tre anni ne avrò 47 e balzo di altri tre mesi (6), nel 2021 avrò 50 anni (9 mesi), a i miei 60 anni avremo fatto altri 3 balzi in avanti (18 mesi), un altro salto e sono a 65… ma a questo punto in pensione a 65 + 21 mesi… mi guadagno un altro salto e arrivo a 24… 67 anni fico no?
    A 67 anni avrò versato circa 47 anni di contributi e:
    a- non so se sarò viva
    b- non credo di campare altri 47 per prendermi quanto ho versato

    Ci sarebbe da denunciarli per furto e appropriazione indebita ma sono denunce alle quali son vaccinati…

  6. Hai capito perché la ricerca in questi anni si è data tanto da fare per prolungare la vita ( se volete uno di questi giorni vi mando una foto che vi farà capire  come si possono raggiungere gioiosamente gli 86 anni). 

    Era tutto previsto per poter giustamente  dire  che si deve andare in pensione sempre più tardi… 

    Da parte mia non verso più una lira ( oops, scusate , un centesimo di euro) per la ricerca di qualsiasi genere. Non capisco bene chi se ne avvantaggi degli ultimi ritrovati della scienza. Mi pare che siano sempre i soliti privilegiati, Veronesi in testa… 

  7. Non sono sicura di essere d'accordo Ornella.
    Mia nonna ha 92 anni compiuti, analisi perfette, un accenno di demenza senile, non dico autosufficiente ma può essere lasciata sola un paio d'ore (va in bagno da sola, può prendersi un bicchiere d'acqua e tanto di quello che NON fa probabilmente è colpa nostra chè siamo pronti a soddisfare le richieste, pochi giorni fa era sulla scala per sopperire alle mancanze di "ordine" di mia madre… capiamoci non è montata sulla scala da demente senile… è montata sulla scala perchè mia madre non pulisce come lei vorrebbe)

    Mia nonna alla ricerca, di qualsiasi genere, è andata riccamente nel culo (per mantenere il linguaggio scientifico in premessa), si è rotta tre costole sul lavoro ma non ha fatto, a oggi, un giorno di ospedale, si è rotta la rotula del ginocchio a 80 anni (per lavare il pavimento), ci dissero:"saranno problemi"… infatti a lei fa male l'altro

    A mio nonna la ricerca mancata ha portato via una nipote il 4.12.1980, gli incidenti sul lavoro l'hanno lasciata vedova a 36 anni con una figlia sua e due del marito vedovo di guerra…

    La ricerca, cara Ornalla, ci vuole morti a 64 anni… non a 86!
    Esticazzi di come ci arrivi… ai 64!

  8. Cara Viviana, 
    La mia nonna materna ha compiuto 100 anni il 5 maggio del 2003 ed è morta il 31 agosto dello stesso anno. Non ha mai avuto bisogno di aiuto per andare al bagno, per lavarsi, per fare i conti della spesa…  E' vissuta da sola ( vedova di guerra) fino a novant'anni, quando mia zia ha deciso che non poteva più farlo e se l'è portata a casa sua. Preferisco non approfondire il motivo per cui se l'è presa in casa. 

    Tornando a bomba , mia nonna non ha mai fatto un giorno di ospedale. Ha partorito quattro  figlie in casa, l'ultima , si può dire , sotto i bombardamenti alleati,  in una casa di contadini slavi nella campagna di Zara, quando era già vedova , avendo perso il marito e una figlia di tre anni sotto uno dei suddetti bombardamenti.  Non ha mai conosciuto il dentista : sessantenne  aveva perso quasi tutti i denti  e diceva che tanto sarebbe morta presto , non ne valeva la pena di farsi la dentiera. Nella lunga estate calda del 2003 si ammalò mio cugino e mia zia passava le sue giornate in ospedale, mia nonna a casa della zia ( bollente) con una badante trovata all'ultimo momento ( non approfondisco il perché non a casa sua , a questo punto) .  Io coprivo le domeniche di riposo della badante. A metà agosto nonna si sente male, ricovero in ospedale: disidratazione e , dicono,  problema polmonare . Soluzione: antibiotici di ultima generazione. E' tornata a casa con le allucinazioni, ma poi si è ripresa. Stava meglio e finalmente arrivava il fresco , quando si è sentita male in bagno ed è mancata. 

    Tutta questa pappardella, cara Viviana per dirti che il mio intervento era sottilmente ironico: non è la ricerca, che ci fa vivere a lungo , è il nostro patrimonio genetico. Alla faccia degli antibiotici e del signor Veronesi. 

    Un abbraccio solidale. Sta faccenda della pensione mi ha fatto imbestialire, e ti assicuro che non credevo che la mia giornata potesse ancora peggiorare. 

  9. Ah ma io non difendevo Veronesi… la minchiata odierna porta sopra il cartellino "io sono buono donate a me"

    E' che il mio post verteva diametralmente opposto al tuo commento (visto che di solito siamo non dico in sintonia ma almeno sulla stessa lunghezza d'onda).
    Questi ci tengono in vita fino a 63 anni, 351 giorni e uno spicciolo di ore e poi puff… sei morto niente pensione… W l'inps vaffanculo all'inps…

  10. vivi il ragionamento di tenerti in vita fino a un certo punto e poi puff lo fanno già, ci sono un sacco di farmaci ed esami che dopo una certa età..puff….l'ho visto con mia madre lo vedo con mia suocera..
    pensa che mammografia qui è gratis con la prevenzione Serena ma fino ai 70.. mia madre ha continuato a pagarsela fino agli 81, quando poi gliene han fatte 4 gratis, compreso il mammotome che lei, il cancro al seno, ha pensato bene di scoprirlo a 81… ma dai 70 in poi secondo loro anche se ti viene coon caxxi tuoi se non ti sei pagato le mammografie di screening..
    Mia suocera malattia rara (pioderma gangrenoso), hanno sperimentato, nel vero senso della parola, per anni, farmaci stranissimi, esami dopo esami, inutilmente, che alla fine l'unica cosa che aiuta a tenere sotto controllo è un bombardamento continuo di cortisone… ma loro no, sperimentavano nuove cure, già… e ora? ora ha superato i 70, e allora diradano le dosi" che sa, costano(circa 1000 euro a dose, mensile) , e alla sua età non riusciamo a giustificarle…" glielo han detto così, candidamente…

    Io non mi aspetto più nulla, d'altra parte avrei i numeri per avere un'invalidità e la mia malattia non ha nemmeno uno schifo di esenzione, figurati se si parla di pensioni anticipate.
    ah… io, da "certa ricerca" sono scampata per un pelo.. evito di dire cosa ne penso…

  11. non voglio fare i conti di quello che toccherà a me…

  12. Mi ero già depressa all'idea della pensione (ma io che darò da mangiare ai figli???) però…però ammazza che nonne meravigliose :-)))

  13. Purtroppo non credo che la sinistra farebbe meglio, anche perchè in italia è inesistente  e animata  da un forte antagonismo a cui non corrisponde un valido programma politico Ma ormai è evidente  che questo governo che non doveva mettere mano nelle tasche dei cittadini invece l'ha fatto eccome: con il blocco dei rinnovi dei contratti, (gli stipendi in italia sono tra i più bassi d'europa, al limite della fame) e per ultimo con questa vergogna delle pensioni, che nel frattempo sono diventate contributive  e quindi comunque saranno veramente misere. Non parliamo inoltre delle missioni dei nostri militari all'estero, oltre 7.000,  tutti impegnati in missioni senza alcuna strategia chiara.  Il quadro è veramente desolante. Chi ha a cuore il bene comune? Grazie per l'articolo.

  14. @Lgo tecnicamente quando tu sarai in pensione i tuoi figli dovrebbero (dovrebbero!) lavorare… anche perchè la tua pensione la spostano in base a quanto campi!

    @Patrizio quanto dici sul blocco dei contratti, sulle missioni all'estero e sulla sinistra inesistente è vero. Questa riforma delle pensioni è da galera e non si sostenga la parità europea è solo una bastardata.
    Sul mettere le mani in tasca agli italiani in parte dissento (ma solo allo 0,25).
    C'è la crisi: facciamo sacrifici.
    MA TUTTI… il programma di Tremonti di ridurre i benefici dei parlamentari ha portato a una richiesta, nemmeno tanto velata, di TSO per Tremonti.
    Questo non va bene e non dispone bene…
    Grazie del commento

  15. è quello che rispondo ai colleghi che dicono "oddio, mi tocca andare in pensione *solo* l'anno prossimo".
    "pensione?, what does it mean? è una parola così vecchia da essere nuova…!"

  16. Oggi profemate mi diceva:"non parlare di pensione, porta male…" 😛

Dimmi la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: