Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno


“Ci sono, a volte, delle incongruenze in questo cammino di Fede” questo pensiero mi continuava a rombare in testa dopo aver letto il titolo del Meeting. Da un lato era tutto un predicare di umiltà e poi c’era l’invito ad essere protagonisti! Per chi, come me, è abituata a dare significati secchi e precisi alle parole non era facile capire come potessero coesistere umiltà e protagonismo, ero lì che ci rimuginavo ma poi ha preso il sopravvento la “filosofia di vita” che ultimamente mi accompagna:”Se non capisco, capirò… anzi Me lo farà capire!”.

Poi è arrivata la domenica mattina, la partenza, l’albergo, l’arrivo in Fiera e l’immersione in questo “Mondo”, l’ascolto delle molte testimonianze, le mostre, i dibattiti, la gente “normale”, i bambini.

Quei cinque giorni stanno ancora sedimentandosi però, come ero certa, l’incongruenza va chiarendosi: si può essere protagonisti umili o nessuno arroganti, dipende dal modo in cui si fa la stessa cosa o meglio PER CHI si fa la stessa cosa, se per stessi e per la propria vanagloria o per gli altri senza considerare se stessi.

C’è di mezzo Cristo? diventa personale la risposta, la mia è Sì, senza crocifissi alla collana, senza rosari salmodianti, senza stronzate altisonanti, nel mio cuore e nel privato del mio io accade qualcosa, la decisione è presa, se avete voglia ne parliamo tranquillamente come si è sempre fatto da queste parti altrimenti vi banno e non se ne parla più… da oggi potete chiamarla oligarchia del papato… fino a ieri lo chiamavate fascismo… ma quando si conoscono pochi termini si è limitati nell’esposizione 🙂

Per la prima volta, da un anno a questa parte, sono uscita allo scoperto sul mio blog ed è arrivata la prima domanda diretta:”Ma sei di CL?”, la mia risposta è stata:”credo proprio di sì”

Annunci

Commenti su: "“O protagonisti, O nessuno”" (13)

  1. Oh, be’, a me CL mi preoccupa assai, perché le due o tre persone che ho conosciute erano intolleranti e arroganti. Ma mia figlia è andata un anno alle riunioni di CL ed è sopravvissuta. Voglio dire, a parte il fatto che non studia un tubo, non è cambiata molto. E tu non mi sembri per niente come La Toto, che era di CL e ci faceva morire con le sue certezze granitiche 🙂
    Perciò, io direi che si può continuare a vivere.
    (mi piace molto la frase: si può essere protagonisti umili o nessuno arroganti)

  2. Grazie Annalisa perché hai centrato il punto:” si può essere protagonisti umili o nessuno arroganti” e questo è valido al di là di Quello che si crede, anche nell’ateismo rispecchia il reale, ergo è vero!
    Punto di arrivo in comune, malgrado – probabilmente- le differenze di pensiero di partenza 🙂
    Certezze???… io non sono sicura nemmeno di essere nata 😛

  3. pennanera67 ha detto:

    A volte il troppo protagonismo abbatte le barriere dell’umiltà, della semplicità di vivere e della gioia di dialogare, di saper ascoltare le altrui opinioni.
    E’ giusto incontrarsi e parlare apertamente con il rispetto.

  4. Vivi bentornata! Ci sentiamo?
    Me stai a prepara’ qualcosa di interessante?

  5. un abbraccio e a presto Viviana:)
    notte
    monì

  6. sincerità per sincerità… lo sono anch’io!
    concordo con annalisa…
    un appunto: io ho incontrato cl attraverso volti concreti quando ero pulzella (1975 anni 14) da quel momento ho studiato di più e meglio…
    benvenuta 🙂

  7. Già “si può essere protagonisti umili o nessuno arroganti”

    Non solo in CL, ma in tutte le esperienze umane.

    Comunque si tratta di dare un significato alla parola protagonista.

    Il protagonista è il primo attore, il più importante; e chi non vuole essere protagonista, primo attore della propria vita? Chi non vuole viverla e gustarla fino in fondo, visto che è l’unica che abbiamo?

    Non è una questione di primeggiare o di voler umiliare gli altri, ma di vivere con intensità e gioia il proprio destino.

    Pensa a Rosetta: ha forse bisogno di umiliare gli altri della sua vita?

    Ognuno è protagonista della sua vita: il problema è semmai come vive questo protagonismo.

  8. Io lo sapevo già! Senza bisogno che lo spiattellasti… E tu hai capito da che parte stò? Un abbraccio immenso alla mia ciellina….

  9. Anna V. ha fatto la scoperta dell’acqua calda:-)))
    Certo che ognuno è protagonista della propria vita e sceglie di esserlo come meglio gli aggrada.
    Essere protagonisti significa altresì essere liberi da qualsiasi tipo di influenza politica o pseudoreligiosa come dir si voglia.
    La Fede non ha bisogno di nomi politici altisonanti per dimostrare la propria potenza e neppure di diventare serva di tanti padroni.
    La Fede nasce da dentro e non ha nulla a che fare con movimenti che la usano a proprio piacimento e per i propri fini.
    Finiamola con queste frasi fatte che somigliano a tanti slogans creati apposta per gettare fumo negli occhi.
    Per essere protagonisti bisogna avere consapevolezza di sè e rispetto per il proprio cervello al punto tale da preservarlo da qualsiasi influenza di sorta.
    E non è poi così difficile, basta imparare a leggere tra le righe.
    Alla prossima

    P.S. Viviana sai bene che non volevo intervenire, ma di fronte a tanta poca umiltà…perchè di poca umiltà si tratta…….non ho saputo resistere

  10. Accidenti… dunque, concordo con Laura ( che delle volte pesta da far male! ma a me piace così!). Tutti siamo bene o male i “protagonisti” nella nostra vita. Scegliamo! E scegliere comporta valutare e valutare comporta osservare e osservare comporta conoscenere. Odoro la parola conoscere.. Si può essere protagonisti nel modo che si vuole.. io preferisco “nel mio piccolo”, tutti i giorni; c’è chi lo fa in altro modo… Dipende dal carattere… non sono sbagliati nessuno dei due. E fin qui ci siamo. Ma quando ci si “riconosce” in questo o quella “idea” allora si operano libere scelte politiche e qui si approda alle differenze, comunque rispettabili anche se non condivisibili. Tali scelte comportano responsabilità che non ricadono solo sul singolo che sceglie, ma anche su quelli che non hanno operato quella scelta. Anche la Festa del PD è fantastica, piena di concerti, di dibattiti, di senso di appartenenza, solidarietà, ecc., ma ….. 🙂

  11. Seratna, non partecipo e non ho mai partecipato a nessuna festa di nessun colore politico dal momento che stigmatizzo chiunque si metta a fare l’imbonitore per propri fini politici e tra un “ taralluccio e vino” cerca adepti, pertanto non saprei esprimere opinioni in merito neppure sulle Feste organizzate dalla Sinistra.
    Tuttavia, mi sembra che il paragone fatto non possa reggere dal momento che il PD si presenta come un Partito Politico mentre Comunione e Liberazione come un movimento ecclesiale cattolico in cui la Comunione cristiana dovrebbe portare verso la liberazione dell’uomo.
    Bada bene….Comunione Cristiana e non ex Democrazia Cristiana.
    In parole semplici, Comunione e Liberazione parla in nome della Fede e non di ideologie varie.
    Allora spiegami te per quale motivo mischia sempre la Fede alla politica.
    Sponsorizza figure politiche ( tanto per fare un esempio Formigoni) e viene sovvenzionata da sempre dalla politica di destra italiana.
    La Fede cosa c’entra con la politica? La Fede – almeno ho sempre pensato – non dovrebbe mai essere legata a filo doppio con varie ideologie.
    Forse sono io che non capisco oppure c’è qualcuno che gioca sulla buona fede dei credenti.
    Un abbraccio ed aspetto sempre di assaggiare il pane fatto in casa da te:-)))

  12. E si vede che non sei andata a scuola dalle suore.. Io si! E mò, cerco pure di spiegarti il mio punto di vista… e vista l’ora non credo che sarò lucida… Tralasciamo per un attimo i cattolici e parliamo dei munsulmani. Il corano è anche una elencazioni di regole di convivenza… si insomma come deve comportarsi il bravo munsulmano… Uguale il cattolico, che bada è anche cristiano. Tradurre i dettami religiosi in regole sociali: è la società come la vogliono, come deve comportarsi il bravo cattolico, cosa deve pensare, come deve vestire. Fare l’amore non può essere distinto dal procreare… ricordi che hanno bandito il preservativo? Ora a me personalmente non mi frega niente di questo loro modo di vivere se stà bene a loro… mi interessa quando vogliono impormelo attraverso le regole della democrazia partecipativa. Immagina uno Capo di governo che faccia una legge coercitiva dell’uso del preservativo…. O che sancisca il disconoscimento dei diritti umani ai gay. (eppure ci sono gay che darebbero dei punti ai migliori cattolici!) Ora Formigoni è un uomo, che a differenza di me e te, non può sbagliare perchè oltre a governare, indirizza o ha la presunzione di indirizzare chi lo elegge verso un modo operandi e vivendi. Ma se sbagliano e attenzione, anche nel privato ciò dovrebbe far comprendere a chi lo elegge che la fede è un percorso personale di scelta di vita, ma quella propria, e negare ai gay o ai munsulmani o agli altri e futuri nemici dei cattolici diritti che sono sanciti nella stessa bibbia è rappresentarsi in una forma integralista che tutto sà meno che di non violento. E mo vado a letto … e vi aspetto tutti a mangiare il pane…. nel pane poi vedremo cosa metterci… Mi piacerebbe sentirvi parlare dal vivo te e vivi sono sicura che ne uscirebbero delle belle…. siete due potenze dirompenti… Vi voglio bene! Hasta la vista! 🙂

  13. Buongiorno Seretna, un’analisi interessante la tua malgrado il sonno che incombeva:))
    Una precisazione doverosa: sono stata a scuola dalla suore ed è proprio fra quei banchi che ho imparato a tenere gli occhi aperti tanta era l’ipocrisia e l’interesse economico che mi circondava.
    Lungi da me usare il blog di Viviana per scrivere un reportage legato ai vari punti oscuri, che costellano tanta profusione di Fede.
    Ho il mio blog ed altri canali nel caso decidessi di scriverlo.
    Mi piacerebbe, tuttavia, avere risposte da parte di chi parla secondo lo slogan “ O protagonisti o nessuno” in merito alla “ Compagnia delle Opere”, al caso del magistrato “ De Magistris”, al caso Antonio Saladino ex presidente della CDO in Calabria.
    In poche parole mi piacerebbe avere notizie circa l’inchiesta “ Why Not”.
    Oddio, qualche notiziola precisa anche sulla Pia associazione Memores Domini e sui nomi illustri che la compongono non guasterebbe.
    Forse chiedo troppo a chi fa dell’umiltà una libera merce di scambio. Scusatemi.
    Chiudo questo discorso, che si origina dal fatto che – per quanto mi riguarda – credo in un Essere Superiore, che non ama essere usato per fini totalmente diversi da quello che è l’Amore Universale.
    Il resto è Storia già scritta e da scrivere.
    Alla prossima

Dimmi la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: